NUOVO ACCORDO STATO-REGIONE. LA FORMAZIONE IN CONTINUA EVOLUZIONE.
Formato Sicuro / Blog




Alla scoperta della nuova versione dell'Accordo Stato-Regione, tra conferme, modifiche e novità

Abbiamo più volte ribadito in questo blog quanto la formazione sia importante, ma ancora di più lo è la qualità della stessa, perché una formazione scadente può risultare più dannosa che altro. Per questo motivo è stato rivisitato il famoso Accordo Stato-Regione, che si pone l’obiettivo di migliorare costantemente la qualità della formazione in Italia, tra conferme, modifiche e novità rispetto alla precedente versione.
 


Ma quali sono i punti salienti del nuovo documento? 
 
 
Prima di tutto, sono stati individuati ulteriori titoli di studio (nello specifico si parla di classi di laurea) validi per poter eventualmente evitare di frequentare corsi di formazione.

Ma ovviamente la situazione non è omogenea per qualsiasi corso: puntare a diventare, ad esempio, un RSPP non è proprio un gioco considerando tutte le responsabilità.
  
Si tratta di un caso in cui il possesso di un attestato è precondizione obbligatoria, e non c’è laurea che tenga.
 
Passando per rivisitazioni riguardo i requisiti dei docenti, l’organizzazione dei corsi e la metodologia di insegnamento, un aspetto rilevante è che il percorso formativo per RSPP e ASPP viene strutturato in 3 differenti moduli: A, B, C
 
  • Modulo A
    Rappresenta il corso base per lo svolgimento della funzione di RSPP e ASPP, con una durata prevista di 28 ore e propedeutico per l’accesso agli altri moduli, infatti il suo superamento vale come pass partout per tutti percorsi formativi.
 
  • Modulo B
    É legato alla natura dei rischi presenti sui luoghi di lavoro e relativi alle varie attività lavorative, anch’esso si rende necessario per lo svolgimento delle funzioni di RSPP e ASPP, e prevede una strutturazione su una durata di 48 ore con un modulo comune a tutti i settori produttivi, con alcune eccezioni: per settori quali Agricoltura e pesca, Cave e costruzioni, Sanità residenziale, Chimico e petrolchimico è richiesta infatti un’integrazione del percorso con la ulteriore frequenza a specifici moduli di specializzazione successivamente al modulo B.

  • Modulo C 
    Rappresenta infine il corso di specializzazione per le sole funzioni di RSPP, con una durata di 24 ore, con l’obiettivo di consentire ai responsabili dei servizi di prevenzione e protezione di:
    1) acquisire le conoscenze e abilità adeguate per progettare e gestire processi formativi
    2) pianificare gestire e controllare misure tecniche organizzative e procedurali di sicurezza aziendali
    3) utilizzare forme di comunicazione adeguate per favorire partecipazione e collaborazione

Finalmente il legislatore con questo nuovo "Modulo B" unificato, ha semplificato la programmazione ed allineato le conoscenze necessarie ai Responsabili dei Sistemi di Protezione e Prevenzione per compiere al meglio il loro lavoro nei diversi settori.

Non meno importante la questione “aggiornamento”, che nel caso di RSPP e ASPP va inquadrata nella dimensione della life long learning, in cui le ore minime complessive sono fissate in base al ruolo svolto e preferibilmente spalmate sull’arco del quinquennio, rispettivamente:

-RSPP: 40 ore nel quinquennio
-ASPP: 20 ore nel quinquennio
 



5 ALLEGATI PER SPIEGARE MEGLIO 


Il documento, nella seconda parte, va poi a comprendere 5 allegati, alcuni dei quali esplicitano le condizioni già esposte qui sopra (vedasi l’allegato I, riferito all’elenco delle classi di laurea per l’esonero della frequenza ai corsi)

Tra questi 5 allegati, risulta interessante soprattutto l’allegato II, perché va a focalizzarsi su una modalità di apprendimento in continuo sviluppo grazie alla costante evoluzione tecnologica ma al tempo stesso “amata e odiata”: l’E-Learning.

Questa modalità di apprendimento in rete sta via via guadagnando sempre maggior spazio nella formazione di vario tipo, tanto da meritarsi, appunto, un inserimento e un approfondimento in questo documento.

L’allegato si compone di 4 punti:
  • Il punto A, relativo ai requisiti e alle specifiche di carattere organizzativo: in cui viene determinato ad esempio che il soggetto formatore del corso dovrà essere dotato di ambienti idonei alla gestione di processi formativi con questa modalità così come garantire la disponibilità di un’interfaccia di comunicazione con l’utente per assicurare assistenza, interazione, usabilità e accessibilità in modo continuo.

  • Il punto B, relativo invece ai requisiti e alle specifiche di carattere tecnico: in cui viene specificato che il soggetto formatore dovrà garantire la disponibilità di un sistema in grado di monitorare e certificare lo svolgimento e il completamento delle attività didattiche di ciascun utente, la partecipazione attiva dell’ “alunno”,la tracciabilità di ogni attività svolta e la sua durata, e così via.

  • Il punto C, che si riferisce ai profili di competenze per la gestione didattica e tecnica: in cui vengono definite le caratteristiche di profili quali i responsabili/coordinatori scientifici del corso, i mentor/tutor di contenuto, i tutor di processo e gli sviluppatori della piattaforma.

  • Il punto D, infine, sviluppato sulla documentazione: in cui viene specificato che per ogni corso in modalità e-learning il soggetto erogatore dovrà redigere un documento progettuale in cui vengono riportati (almeno) elementi come il programma completo del corso, le modalità di erogazione, i nomi dei profili di competenze di cui al punto C, i nomi dei docenti/relatori, una scheda tecnica di descrizione della piattaforma utilizzata, le modalità di iscrizione e verifica, ecc.
 
 
In definitiva, conoscere e rimanere aggiornati su tutte le sfumature e i cambiamenti in tema di formazione è fondamentale per assicurare a sè stessi e ai propri dipendenti una vita lavorativa in piena sicurezza.

E tu, eri a conoscenza delle novità apportate al nuovo Accordo Stato-Regione?
Se questo approfondimento ti ha incuriosito e vorresti saperne di più, contattaci! 
 
 
COME POSSIAMO AIUTARE LA TUA ATTIVITA'?





Accetta le condizioni della Privacy*
clicca qui per leggere le condizioni
Inserisci i caratteri che leggi nel riquadro

   qui

Copyright © 2017, FORMATO SICURO  -  Tutti i diritti Riservati  -  P.iva 11398230018
Via Juvarra, 16 - 10137 - Torino  -  Telefono: 011.79.32.248 Informativa Privacy - Termini & Condizioni