BANDO ISI 2016, QUANDO LA SICUREZZA MERITA UN REGALO
Formato Sicuro / Blog




Cambiano le linee guida ma non cambia l'impegno a premiare gli investimenti delle imprese in sicurezza. 

Si avvicina il Natale, e la nostra cara INAIL ha deciso di dettare nuove linee guida per far trovare sotto l'albero incentivi economici per tutte quelle imprese che sono state buone investendo in sicurezza.
 

Il riferimento è al
Bando ISI, che per l'anno 2016 è stato rivisitato rispetto all'anno scorso con aggiornamenti ed integrazioni alle linee guida deliberate precedentemente.
 


Ma in sostanza, qual'è il fine di questi cambiamenti?
 

Il fine è semplicemente quello di impegnare gli organi di gestione a concentrarsi su
5 punti salienti:
 

1) Punto uno è la
riprogettazione degli strumenti dedicati all'erogazione dei finanziamenti per le attività di sostegno economico per la prevenzione, con attenzione particolare a:
  • Incentivi per il sostegno delle PMI di diversi settori merceologici (ISI - Generalista)
  • Incentivi per progetti di bonifica da amianto (ISI - Amianto)
  • Incentivi per il sostegno di micro e piccole imprese che operano in specifici settori con particolari profili di rischio (ISI - Micro e piccole imprese)

2) Il secondo punto riguarda l'
integrazione strutturale di tutte le risorse destinate agli incentivi per la prevenzione, ovvero i vari assi ISI, con tutte le risorse rimaste inutilizzate e non erogate dai bandi ISI degli anni passati.
 

3) Puntare all'
innovazione del processo di valutazione a sportello.
Basta graduatorie formulate in base al tempo di invio delle domande, basta corse al click più veloce: l'impegno è quello di individuare un sistema in grado di garantire casualità delle scelte fra tutte le domande che rispondono ai requisiti richiesti e che siano pervenute nei tempi prestabiliti durante l'apertura dello sportello.
 

4) Sulla base delle esperienze regionali, gli organi di gestione saranno chiamati a prevedere che i soggetti che realizzano progetti finanziati nei 2 anni successivi alla rendicontazione siano poi chiamati alla
presentazione di un report che possa essere utile all'implementazione del sistema di monitoraggio.
 

5) Last, but not the least, il quinto punto si impegna a dare un impulso e una certa dose di
tempestività alle attività di implementazione del cruscotto sugli incentivi alla prevenzione: ciò che si vuole ottenere è un sistema di monitoraggio strutturato per ogni fase prevista dai singoli bandi promossi. 
 
 
 
Insomma, se avete fatto i bravi e avete investito nella sicurezza della vostra attività non vi resta che fare domanda a Babbo INAIL per avere il vostro regalo.
 
Per ulteriori informazioni, contattaci! 
 
 
 
 
 
 
 
Alessandro Cuzzi 
 
 
 
 
COME POSSIAMO AIUTARE LA TUA ATTIVITA'?





Accetta le condizioni della Privacy*
clicca qui per leggere le condizioni
Inserisci i caratteri che leggi nel riquadro

   qui

Copyright © 2017, FORMATO SICURO  -  Tutti i diritti Riservati  -  P.iva 11398230018
Via Juvarra, 16 - 10137 - Torino  -  Telefono: 011.79.32.248 Informativa Privacy - Termini & Condizioni